Nel foyer del teatro le opere dell'artista giapponese Izumi Fujiwara
Nel foyer le opere di Izumi Fujiwara fino a domenica 18 marzo

Il foyer del teatro Giuditta Pasta di Saronno è sempre più vivo. Questa settimana è stata allestita una mostra dell’artista giapponese Izumi Fujiwara.

Izumi da anni collabora con il marito Michele Cafaggi, attore straordinario e mago delle bolle di sapone. Insieme hanno trasformato il nuovo spettacolo “Controvento” (in scena questa domenica 18 marzo) in un audiolibro: la voce narrante è di Claudio Milani e le musiche sono composte da Marco Castelli.

L’artista

Izumi Fujiwara è una pittrice giapponese nata a Yamaguchi nel 1975.

Si è laureata in Graphic Design presso la Tama Art University di Tokyo nel 1999. Dal 2005 vive e lavora a Milano.

Dopo aver mosso i primi passi nel mondo della poesia e della fotografia, si dedica alla pittura e oltre ad esporre i suoi quadri crea illustrazioni, grandi murales e scenografie per il teatro.

Dal 2008 propone nelle Scuole Materne e Primarie esibizioni e laboratori di Live Painting lavorando in collaborazione con le insegnanti in base al percorso didattico proposto.

La mostra

“La mia pittura nasce dall’esigenza di comunicare. È ciò che spero di fare dipingendo: parlare agli altri del mio mondo interiore, della mia immaginazione. Non mi piace dare spazio al dolore. Voglio trasmettere gioia, sorpresa, meraviglia. Voglio far ridere e stupire. Guardando un mio quadro mi piacerebbe che nessuno si sentisse triste o depresso. Ho iniziato a dipingere solo in Italia, proprio perché non avevo ancora imparato la vostra lingua e non sapevo esprimermi con le parole. Così ho usato il pennello e…”

Sulla tela prendono vita animali immaginari, fiori e mondi fantastici. Le forme arrivano nel cuore, di fronte agli occhi e poi vengono riprodotte sul quadro.

Niente bozzetti, niente schizzi, niente matita… puro impulso creativo. Una pittura piena d’amore, gioiosa e aperta agli altri, con quadri dalle forme insolite, per lo più circolari, dove l’energia continua a scorrere e si ricrea. Un trionfo di animali e piante che permettono all’artista di scatenare tutta la sua immaginazione.

Mondi bidimensionali che richiamano la tradizione giapponese, nei quali si sente l’influenza della scuola di Kano e della pittura a inchiostro dei Sung cinesi.

La mostra ospita assaggi di tutta la produzione artistica di Izumi, a cui si aggiungono quattro tavole inedite che comporranno il libro illustrato “Controvento”, tratto dall’omonimo spettacolo, edito da Edizioni Corsare e di prossima uscita.

Orari

Mercoledì e sabato dalle ore 10.00 alle ore 14.00;
giovedì e venerdì dalle ore 15.00 alla ore 18.00.
Durante gli spettacoli serali.

Fino a domenica 18 marzo.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *