Articoli

Nessun risultato

Spiacente, nessun articolo corrisponde ai tuoi criteri

Eventi

Aspettando i Legnanesi al teatro Giuditta Pasta di Saronno
Dal 22 al 24 settembre al teatro Giuditta Pasta.

Come ogni anno a settembre saranno i Legnanesi a salutare il pubblico del teatro di Saronno prima di entrate nel vivo della stagione 2017-2018. Porteranno sul nostro palco lo spettacolo che ha già superato i 150mila spettatori in tutta Italia: “Viaggiando con noi”. Continua a leggere

Fabio Concato in concerto al teatro Giuditta Pasta di Saronno
Un lungo viaggio dal suo esordio nel 1977 ad oggi.

In occasione dei 40 anni di carriera Fabio Concato, cantautore sensibile e profondo, eseguirà per il pubblico del Teatro Giuditta Pasta i suoi più grandi ed intramontabili successi.

Accompagnato con sensibilità e ricercatezza dagli affiatati musicisti della sua band, Fabio Concato proporrà un’esperienza carica di ricordi e di emozioni grazie anche a nuove atmosfere musicali tutte da scoprire.

Elegante ed autoironico, attento alle tematiche civili e sociali, i suoi brani sono entrati nella storia della musica d’autore italiana, rimanendo sempre attuali e cristallizzandosi nel tempo e nella memoria delle persone. Piccole grandi storie quotidiane, raccontate tra lampi d’allegria e momenti di tenerezza, nostalgia e speranza, ricordi e rivelazioni.

Un viaggio da “Domenica bestiale” a “Fiore di Maggio” da “Guido piano” a “Rosalina” passando per “051 222525”,” Sexi tango”, “O Bella bionda” fino ai singoli dell’ultimo album uscito nel 2012, “Stazione nord”, “Non smetto di aspettarti”.

Informazioni
con Ornella D’Urbano (arrangiamenti, piano e tastiere)
Gabriele Palazzi Rossi (batteria)
Stefano Casali (basso)
Larry Tomassini (chitarre)

Spettacolo
venerdì 26 gennaio | ore 21.00

Biglietti
posto unico: 30 euro
gruppi organizzati: 25 euro

spettacolo inserito nell’ABBONAMENTO CANTAUTORI.

Anania “Markey” Montague & Gospel Mass Choir al Giuditta Pasta

Anania “Markey” Montague è compositore, regista e insegnante di musica gospel.

Attualmente è  ministro di Musica e Belle Arti e direttore del coro per la Chiesa Battista di Salem a Omaha, Nebraska.

La vita di Markey è stata modellata dal ricco patrimonio musicale gospel della sua città natale, Chicago: infatti già all’età di quattro anni impara a suonare le percussione e poi, da autodidatta, a suonare l’organo e la tastiera, diventando un virtuoso del pianoforte. Grazie alla sua vena artistica giovane e fresca ha realizzato più di 20 lavori discografici sia come solista che come ospite in progetti altrui.

Il suo talento, sia come compositore che come interprete e solista, gli ha dato l’opportunità di collaborare con diversi artisti di rilievo del panorama gospel internazionale come Lamar Campbell, Rodnie Bryant, Kim McFarland, Vickie Winans e Richard Smallwood, Kirk Carr, Byron Cage ed il prestigioso Mississippi Mass Choir.

Recentemente con il brano “Osannah” ha raggiunto la vetta delle classifiche USA nel circuito Gospel/Spiritual.

Line up:
Anania “Markey” Montague – piano/voce
Ceaira Dunn – voce
Cedric Nunley – voce
Pamela Westbrook – voce
Kenneth Diggs II – basso el.
Andrew Exum – batteria
TBA: 4 vocalists

Informazioni
Concerto Gospel organizzato in collaborazione con CRA FNM e Sezione Sorriso.

Spettacoli
sabato 16 dicembre | ore 21.00

Biglietti
intero: 25 euro
gruppi organizzati: 20 euro
ridotto under14: 15 euro
Spettacolo inserito nell’ABBONAMENTO MUSIC DATE.

 

 

Andando, Vivendo con Saule Kilaite al Giuditta Pasta di Saronno
Dopo il grande successo di pubblico dello scorso anno, Saule Kilaite torna sul palco del Teatro Giuditta Pasta proponendo una performance in cui musica, danza, video arte e linguaggio teatrale si fondono.

Il pubblico verrà coinvolto in un “onirico” viaggio intorno al mondo attraverso i brani celebri tratti dal repertorio di musica classica, etnica e popolare, fino ad arrivare alle pagine più conosciute della musica leggera.

La violinista performer Saule Kilaite tiene la scena introducendo ogni brano con parole, frammenti poetici, curiosità e musica.

Uno spettacolo multimediale con video scenografie sincronizzate create appositamente dallo scenografo Roland Tapì per dare a ogni brano un impatto emotivo ancora più forte.

Non aspettatevi di assistere a uno spettacolo di sola musica: “Andando, Vivendo” è molto di più. È uno show multimediale durante il quale si crea una forte interazione col pubblico in un clima ricco di emozioni.

Un percorso attraverso la fantasia, attraverso i ricordi di vita e le sensazioni di ognuno di noi.

Un viaggio da fare insieme: “perché viaggiare da soli è bello ma in compagnia è mille volte meglio”.

Informazioni
voce narrante e violino solita: Saule Kilaite
regia di Carlo Cartisano
Clarinetto: Marino Delgado Rivilla
Ballerini: Compagnia TraBallante (irish & folk dances)

Spettacolo
venerdì 16 febbraio | ore 21.00

Biglietti
posto unico: 20 euro
ridotto over70: 17 euro
gruppi organizzati: 15 euro
ridotto under26: 12 euro
Spettacolo inserito nell’ABBONAMENTO MUSIC DATE.

La Principessa della Czarda con la regia di Elena D'Angelo
Presentata al Johann Strauss Theater di Vienna nel 1915, “La Principessa della Czarda” rappresenta tutt’ora una delle operette più brillanti e di maggior fascino.

Attraversata da una vena musicale che fu ammirata anche da Puccini, scritta da Leo Stein e Bela Jenbach, sul meraviglioso spartito di Emmerich Kálmán, raccoglie al suo interno arie e duetti lirici come “L’ora d’amor” e “Aria di Sylvia” alternati a vivaci melodie quali “Ma senza donne” e “Bimba sei tutta ardore”.

La musica di Kálmán è viva e ricca, rallenta, si lascia scivolare e poi scatta scoppiettante per volare via anche grazie agli spunti offerti dalla musica tzigana che si fonde a splendidi valzer.

La vicenda, divertente e basata sul gioco degli equivoci, si dipana tra Budapest e Vienna nel 1914.

Protagonisti sono la bellissima canzonettista Sylvia Varescu e il suo amore con il principe Edvino Carlo di Lippert-Weylersheim: sentimento “impossibile” tra i due dato che il perbenismo degli ambienti asburgici non poteva assolutamente tollerare una relazione fra un nobile e una “scandalosa” donna di spettacolo.

È al ricevimento di fidanzamento ufficiale fra la contessa Stasi e lo stesso principe che Sylvia Varescu giocherà le sue carte, tra seduzione e gelosia “indotta”, nel principe Edvino, da un provvidenziale quanto finto fidanzato.

Informazioni
operetta in 3 atti di L. Stein e B. Jenbach
musiche di E. Kalman
regia Elena D’Angelo
con Elena D’Angelo: Silva Varescu; Gianfranco Cerreto: Edvino Carlo; Matteo Mazzoli: Boni Kancianu Merita Di Leo: Contessina Stasi; Gianni Versino: Feri; Carlo Randazzo: Leopoldo Maria; Maresa Pagura: Anilde; Stefano Menegale: Rohusdorff; Davide Capitanio: Demero; Paola Scapolan: Luliska
coreografie di Giada Bardelli
direttore Marcella Tessarin
orchestra e corpo di ballo Grandi Spettacoli
COMPAGNIA D’OPERETTE ELENA D’ANGELO

Spettacolo
domenica 4 febbraio | ore 15.30

Biglietti
posto unico: 28 euro
ridotto over70: 25 euro
gruppi organizzati: 22 euro
ridotto under26: 15 euro

Il Paese dei campanelli di Lombardo e Ranzato, regia di Elena D'Angelo
Un’operetta “senza tempo” grazie alla vivacità della trama e alla bellezza dello spartito.

C’era una volta, nella bellissima terra d’Olanda, un paese incantato dove regnavano gioia e tranquillità e gli abitanti vivevano in armonia.

La leggenda narra che sopra il tetto di ogni casa del paese c’era un piccolo campanello pronto a suonare ogni volta che una donna del villaggio fosse stata sul punto di tradire il proprio marito.

Nessuno li ha mai sentiti suonare, ma né le donne né gli uomini del paese hanno il coraggio di tentare di dimostrare il contrario. Tutto resta tranquillo fino all’arrivo di una nave militare inglese, costretta all’attracco nel porto dell’isola.

Scritta e musicata dalla mitica coppia Lombardo – Ranzato, “Il Paese dei campanelli” debuttò il 23 novembre del 1923 al Teatro Lirico di Milano.

Informazioni
operetta in tre atti di Carlo Lombardo e Virgilio Ranzato
regia di Elena D’Angelo
con Elena D’angelo: Bombon; Matteo Mazzoli: La Gaffe; Gianfranco Cerreto: Hans; Merita Di Leo: Nela; Gianni Versino: Tarquinio; Maresa Pagura: Pomerania; Diego Galtieri: Attanasio; Carlo Randazzo: Basilio; Paola Scapolan: Gretel; Davide Capitanio: Nansen
direttore Marcella Tessarin
orchestra e corpo di ballo Grandi Spettacoli
direzione artistica di Gianni Versino
Compagnia d’operetta Elena D’Angelo

Spettacolo
Domenica 21 gennaio | ore 15.30

Biglietti
posto unico: 28 euro
ridotto over70: 25 euro
gruppi organizzati: 22 euro
ridotto under26: 15 euro

Don Giovanni di W. A. Mozart, un classico al Giuditta Pasta di Saronno
“Don Giovanni ossia Il dissoluto punito”

È un melodramma giocoso in due atti di Wolfgang Amadeus Mozart su libretto di Lorenzo Da Ponte: è la seconda delle tre opere italiane che il compositore austriaco scrisse e venne composta tra il marzo e l’ottobre del 1787, quando Mozart aveva 31 anni.

L’opera debuttò al Teatro degli stati di Praga e solo l’anno successivo a Vienna con un cambiamento del libretto.

Il Don Giovanni è considerato uno dei massimi capolavori di Mozart, ma anche della storia della musica: in esso si realizza un perfetto equilibrio tra comico, con le caratterizzazioni di Leporello e Masetto, e tragico, nello scontro tra il mondo delle leggi morali e l’opposizione del protagonista.

Don Giovanni è un nobile cavaliere con una passione sfrenata per le donne; pur di conquistarle, ricorre a qualsiasi mezzo, compreso l’inganno e la menzogna.

Informazioni
melodramma giocoso in due atti di W. A. Mozart
su libretto di Lorenzo da Ponte
coro dell’Opera di Parma
M° del coro Emiliano Esposito
Orchestra Sinfonica delle Terre Verdiane
M° concertatore e direttore Stefano Giaroli
regia di Pierluigi Cassano
scene e costumi Arte Scenica – Reggio Emilia
una produzione Fantasia in Re

Don Giovanni – Marzio Giossi
Leporello – Alberto Bianchi
Donna Elvira – Renata Campanella
Donna Anna- Hiroko Morita
Don Ottavio – Alessandro Viola
Zerlina – Scilla Cristiano
Masetto – Lucas Moreira Cardoso
Il Commendatore – Massimiliano Catellani
Spettacolo
sabato 17 marzo | ore 20.30
Biglietti
posto unico: 30 euro
ridotto over70: 27 euro
gruppi organizzati: 25 euro
ridotto under26: 15 euro
100 anni del mito con Patrick Mittiga e la sua band al teatro di Saronno
Un omaggio a Frank Sinatra, uno show imponente completamente dal vivo.

Un concerto e un viaggio alla riscoperta di Francis Albert Sinatra, degli Anni ’60, delle atmosfere dell’hotel Sands di Las Vegas e degli amici Dean Martin e Sammy Davis Jr.

Un mito, raccontato con piglio originale allo scopo di trasmettere la brillante e controversa epoca nella quale “The Voice” ha vissuto.

Sinatra nacque ad Hoboken il 12 Dicembre del 1915 e da questa data partiranno, in tutto il mondo, iniziative e concerti. Celebrato anche dalle giovani generazioni soprattutto nel mondo del rap americano, Frankie non mancherà di far parlare di sé ancora una volta.

La Crew porta in scena uno spettacolo moderno e dai ritmi vertiginosi con musiche indimenticabili e performance ad effetto che sfociano anche nelle danze acrobatiche e aeree.

Intrattenitore della serata Patrick Mittiga, cantante e performer, maturato sui palchi più prestigiosi della penisola nel mondo del teatro, del musical e dei concerti dal vivo.

Informazioni
Omaggio a Frank Sinatra con Patrick Mittiga & The Swing Crew Big Band
Patrick Mittiga: voce; Guido Gressani: batteria; Paolo Ricca: piano, Andrea Manzo: basso; Ivan Colosimo: tastiere; Cristiano Tibaldi: tromba; Igor Vigna: tromba; Aldo Caramellino: trombone; Gianni Virone: alto sax – flauto; Simone Arlorio: tenor sax – clarinetto; Alfredo Ponissi: saxes – flauto
Corpo di ballo “Feveroyal”

Spettacolo
venerdì 1 dicembre | ore 21.00

Biglietti
intero: 20 euro
ridotto over70: 17 euro
gruppi organizzati: 15 euro
ridotto under26: 12 euro
Spettacolo inserito nell’ABBONAMENTO MUSIC DATE.

La Traviata di Giuseppe Verdi al teatro Giuditta Pasta di Saronno
“La Traviata” è l’opera di Giuseppe Verdi più rappresentata al mondo dal 1853, anno del suo debutto al Teatro La Fenice di Venezia.

Un’opera che resiste ai mutamenti della società e del costume: questa sua freschezza è da ricercarsi nell’eterno ed universale desiderio di amore profondo che porta al sacrificio in suo nome.

Nel salotto di casa Valery si prepara una festa. Violetta sta preparando tutto questo per i suoi amici: colpita dal mal sottile, è comunque contenta di come scorre la sua esistenza, un po’ frivola per quanto riguarda l’altro sesso.

Per amore di Alfredo, Violetta decide di cambiare vita, di abbandonare i lussi e le trasgressioni parigini e di trasferirsi in campagna. Lì i due innamorati vivono felici, finchè arriva il padre di Alfredo: egli chiede a Violetta di lasciare il figlio, mantenendo segreta la loro conversazione, perché la loro convivenza disdicevole rischia di annullare le nozze della sorella di Alfredo.

Violetta cerca di opporsi, ma alla fine, convinta da Germont, scrive una lettera di addio ad Alfredo, adducendo scuse.

Alfredo, sconvolto dalla rabbia e dalla delusione, la raggiunge e la offende pubblicamente gettandole del denaro ai piedi. Violetta, malata di tisi, è ormai in fin di vita quando Alfredo, venuto a sapere la verità, va a chiederle perdono. Dopo averlo rivisto per l’ultima volta, Violetta si spegne.

Informazioni
melodramma in tre atti di Giuseppe Verdi
su libretto di Francesco Maria Piave
coro dell’Opera di Parma
M° del coro Emiliano Esposito
Orchestra Sinfonica delle Terre Verdiane
M° concertatore e direttore Stefano Giaroli
regia di Pierluigi Cassano
scene e costumi Arte Scenica – Reggio Emilia
una produzione FANTASIA IN RE

Spettacolo
sabato 6 gennaio | ore 20.30

Biglietti
posto unico: 30 euro
ridotto over70: 27 euro
gruppi organizzati: 25 euro
ridotto under26: 15 euro

Sergio Caputo in concerto al teatro Giuditta Pasta di Saronno
Dopo avere celebrato il trentennale del suo primo album UN SABATO ITALIANO Sergio Caputo arriva sul palco del Teatro Giuditta Pasta per incantare e rapire il pubblico con raffinate atmosfere e testi ironici e ricercati.

I brani, che hanno l’immediatezza del pop, la raffinatezza del jazz contaminato da influenze latin e reggae fino alla bossa nova di Jobim, faranno vibrare il parterre saronnese.
Sergio Caputo emerge con tutta la forza della sua maturità artistica e i brani, il cui linguaggio e lo stile sono inimitabili, fluiscono morbidi dando vita ad atmosfere sospese nel tempo.

Informazioni
Sergio Caputo: chitarra e voce; Alessandro Marzi: batteria;
Fabiola Torresi: basso; Massimo Zagonari: sax

Spettacolo
venerdì 10 novembre | ore 21.00

Biglietti
intero: 25 euro
gruppi organizzati: 20 euro
ridotto under14: 15 euro
Spettacolo inserito nell’ABBONAMENTO CANTAUTORI.