Eventi

Dagli studi, i disegni, gli scritti, gli appunti di Leonardo.

La storia documenta l’ideazione, la costruzione e la sperimentazione della prima macchina per volare di Leonardo Da Vinci raccontata dal suo assistente Tommaso Masini e il percorso psicologico, artistico e filosofico del maestro.

Il pubblico scoprirà dettagli della vita di Leonardo quasi sconosciuti ai più; farà un viaggio nella mente e nei meccanismi psicologici del genio; scoprirà il meccanismo creativo che è alla base di ogni fallimento.

Lo spettacolo copre un arco di circa 35 anni della vita di Leonardo; gli spunti sono molti come i percorsi sperimentati dal maestro:

1- L’inizio del pensiero scientifico e sperimentale che con Galileo farà nascere la scienza.

2- Il passaggio dal Medioevo al Rinascimento attraverso l’umanesimo e tutti i riferimenti classici che aveva Leonardo.

3 – La matematica con Pacioli e la proporzione Aurea – la Gioconda e tutti i suoi ritratti, l’idea del bello in natura e nei numeri

4 – La filosofia con il neoplatonismo di Marsilio Ficino. Il pensiero spirituale di Leonardo e l’ultima cena ispirata al vangelo di Giovanni

5 – La Chiesa e la Scienza – gli appunti di Leonardo restarono nascosti perché 100 anni prima di Galileo aveva già capito che la terra non era al cento del sistema solare ed aveva paura di essere accusato di eresia.

6 – Il rapporto fra sogno e illusione e fra errore e creatività. Leonardo faceva tanti errori e nello spettacolo se ne parla ampiamente, ma per lui erano solo esperienze che lo conducevano al suo sogno: poter volare. Il suo modo di affrontare gli errori, anche gravi, è esemplare per tutti.

7 – La grande metafora del Volo, che ha accompagnato l’uomo da Icaro a Leonardo fino al volo interstellare. Leonardo osservava con molta attenzione il cielo e sosteneva che il cielo e il mare fossero tutto sommato la stessa cosa, con densità differenti.

Informazioni:
scritto, diretto ed interpretato da Flavio Albanese
collaborazione artistica Marinella Anaclerio
impianto scenico Flavio Albanese
disegno luci Valerio Varresi
assistente alla regia Vincenzo Lesci

Durata:60 minuti

Età consigliata: Scuola Secondaria

Biglietto: €8

Controvento di Michele Cafaggi al teatro Giuditta Pasta di Saronno
Leggerezza, armonia, magia, clownerie e le immancabili bolle di sapone di Michele Cafaggi ci faranno volare a bordo di un biplano giallo alla ricerca di ciò che conta davvero.

Oggi è grande festa in Teatro! È il 15 luglio del 1913 e sul palco c’è un bellissimo Biplano interamente costruito dal nostro Aviatore in persona che dopo un breve discorso partirà per la Grande Avventura!
Tra lo scetticismo di alcuni e l’entusiasmo di altri il nostro Eroe si alzerà presto in volo e ci porterà in mondi sconosciuti, meravigliosi e lontani, forse troppo lontani …

Raffiche di vento, morbide e schiumose nuvole, gigantesche bolle di sapone ci accompagneranno in un viaggio al di là dei confini terrestri, in compagnia del nostro Eroe Aviatore.
Un moderno Icaro, spaventato e coraggioso, spericolato e pasticcione, ma determinato a realizzare i suoi propositi a costo di dover sacrificare le cose a lui più care.
Uno spettacolo dedicato a tutti i sognatori, più o meno eroici, che non hanno mai lasciato nulla di intentato.

Controvento è il nuovo spettacolo in “solo” di Michele Cafaggi, clown e attore che da molti anni lavora con la tecnica delle bolle di sapone. Ogni spettacolo nasce da una ricerca sulle tecniche, gli oggetti e le
storie da raccontare. Spettacoli senza parole dove magia, clownerie, bolle di sapone e arti circensi si fondono per dare vita a momenti di divertimento adatti a un pubblico di ogni età.

Informazioni
di e con Michele Cafaggi
regia Ted Luminarc
musiche originali Marco Castelli
luci Claudio Morando
scenografie Officine Cervino
grafica e decorazioni: Izumi Fujiwara, Stefano Turconi
costumi e sartoria: Franca Brenda, Letizia Di Blasi
produzione STUDIO TA-DAA!!

Spettacolo
domenica 18 marzo | ore 16.00

Biglietti
intero: 8 euro
ridotto under12: 6 euro