Eventi

Un viaggio dentro al cambiamento personale, professionale, nazionale e musicale.

Un viaggio ironico, delicato e istruttivo: dalla scuola di Montanelli a via Solferino, dal primo articolo per ‘La Provincia di Cremona’ al ‘New York Times’, dai libri alla radio, dalla televisione all’attuale direzione di ‘7-Corriere della sera’.

‘Italiani si rimane’ (Solferino editore), il nuovo libro di Beppe Severgnini arriva sul palcoscenico. Il racconto non spiega solo le trasformazioni nei media a cavallo tra due secoli: parla del tempo che passa, del legame con la terra e la famiglia, del piacere di insegnare e veder crescere nuovi talenti.

Una narrazione intima, una sorprendente messa in scena musicale. Il racconto e le letture dell’autore saranno infatti accompagnati da una colonna sonora: perché i Talking Heads e Bruce Springsteen, The National e Franco Battiato sono anche occasioni professionali. E hanno riempito la vita di molti.

Severgnini, che tra il 2014 e il 2016 ha portato ‘La vita è un viaggio’ in molti teatri italiani, sarà sul palco con Serena Del Fiore, giovane artista radiofonica (‘conduttrice di sogni in Fm’, si è definita).

La guiderà o forse sarà guidato.

Informazioni:
di e con Beppe Severgnini
con Serena Del Fiore alla consolle

Spettacolo:
venerdì 22 novembre 2019| ore 21.00

Biglietti:
posto unico: 15 euro
gruppi organizzati: 12 euro

Cosa succede quando in una famiglia arriva il figlio “difettato”, quello che pensavi nascesse solo in casa d’altri? Cosa succede ad un padre ed una madre che si confrontano quotidianamente con l’esistenza di una creatura che hanno messo al mondo ma con cui non possono comunicare?

Helen non vede, non sente e non parla. E i suoi genitori non sanno dove sbattere la testa. La pietà e la rabbia, la speranza e il senso di sconfitta, l’amore e l’odio, ogni sentimento è concesso, ogni reazione è imprevedibile.
E lei, Helen, cosa percepisce di quello che ha intorno? Si accorge che la sua vita produce sofferenza?

In una società dove solo il bello è vincente, solo il sano è tollerato, padre e madre non hanno scampo: Helen va allontanata, messa in un istituto, nascosta, dimenticata. Ma in casa arriva Anna, dura, inflessibile, con una storia di semi cecità alle spalle, una vita trascorsa in mezzo a creature “difettate“.

È una storia vera e racconta l’epocale passaggio alla lingua dei segni, considerata tra le prime dieci grandi scoperte della storia moderna, un bene immateriale dell’umanità, una rivoluzione linguistica che ha permesso di aprire un dialogo tra chi parla e chi non parla.

La lingua dei segni, in questo caso applicata sul palmo delle mani, un alfabeto tattile, che permetterà ad Helen di raccontare la sua storia, di apprendere, di esprimere sentimenti e necessità, di crescere e di farsi rispettare.

Grazie ad un adattamento che va all’essenza, Anna dei miracoli ci racconta tanto di noi, dei nostri limiti e del coraggio che ci vuole a superarli.

Informazioni:
di William Gibson
adattamento e regia Emanuela Giordano
con Mascia Musy
e con Fabrizio Coniglio, Anna Mallamaci e Laura Nardi
scene Angelo Linzalata
produzione Teatro Franco Parenti
per l’Associazione Lega del Filo d’Oro

Spettacolo:
venerdì 24 gennaio 2020| ore 21.00

Biglietti:
posto unico: 15 euro
gruppi organizzati: 12 euro

“L’Ultimo lenzuolo bianco” è una storia vera, tratta dal libro autobiografico del giovane Farhad Bitani, ex capitano dell’esercito in Afghanistan che, dopo una vita vissuta a Kabul tra violenze e fondamentalismo, decide di abbandonare le armi e dedicarsi al dialogo grazie all’incontro con l’Italia e il “diverso”.

Oltre le differenze culturali, le religioni, oltre a quello che i media ci hanno sempre raccontato: un viaggio per scoprire se stessi e l’altro, nell’inferno e nel cuore dell’Afghanistan.

La storia è ambientata in Afghanistan dove Manà, una donna di Kabul, racconta la storia di suo figlio, facendosi sia narratrice che protagonista di questo “viaggio” insieme al giovane Farhad, l’amico Seyar, e gli altri personaggi che prendono vita dai ricordi evocati: dall’Afghanistan all’Italia tutti gli eventi e gli incontri che cambieranno per sempre la vita di questo giovane ragazzo.

Informazioni:
spettacolo tratto dal libro di Farhad Bitani
scritto da Roberta Colombo
regia di Alex Ruzzi
con Martino Iacchetti, Fabrizio Cadonà, Clarissa Pari, Lucina Scarpolini
musiche originali di Marcello Franzoso
costumi originali di Kabul Fashion
luci di Lorenzo Ronchi
audio di Claudio Grandi
una produzione Immaginazione Srl e Coopuf Teatro

Spettacolo:
venerdì 21 febbraio 2020| ore 21.00

Biglietti:
posto unico: 15 euro
gruppi organizzati: 12 euro

I panni sporchi si lavano in famiglia.

Uno spettacolo poetico e privo di ogni retorica sul tema della violenza domestica sulle donne.

“Barbablù 2.0” non è la storia di un marito violento e delle conseguenze delle sue azioni, ma la storia di un viaggio nella testa di una donna. La ricerca di un’identità forte che si è persa, sfilacciata fra violenze e soprusi che sono diventati la norma. Come in un giallo, la protagonista si troverà a ricostruire la dinamica di un omicidio, il suo omicidio, arrivando alla consapevolezza finale e terribile di esserne stata complice.

Un punto di vista aggiornato al XXI secolo della famosissima favola di Barbablù che però scardina il punto di vista originale. La storia è ambientata in una ricca provincia del nord Italia, in un mondo all’apparenza di assoluta armonia – di fiaba appunto – dove, dietro la porta di casa, regnano meccanismi implacabili di violenza e sudditanza psicologica.

Uno spettacolo che inizia con atmosfere molto comedy che lentamente scivolano nel thrilling, per chiudersi poi con un finale sorprendente.

Informazioni:
di Magdalena Barile
con Laura Negretti e Alessandro Quattro
regia di Eleonora Moro
scenografia e progetto luci di Armando Vairo
musiche originali di Eleonora Moro
costumi di Dina Zaghi
una produzione Teatro In Mostra

Spettacolo:
venerdì 17 luglio 2020| ore 21.30

Lo spettacolo si terrà nel Giardino di Casa Morandi – ingresso da via I Maggio. Lo spettacolo si svolgerà anche in caso di maltempo.

Biglietti:
posto unico: 15 euro
gruppi organizzati: 12 euro

Apertura vendite: lunedì 15 giugno 2020. I biglietti saranno acquistabili solo ONLINE.

Per coloro che nella precedente Stagione avevano acquistato i biglietti per lo spettacolo potranno assistere allo stesso presentando il precedente titolo d’ingresso. Essendo diversa la location non potrà essere mantenuto l’ordine di fila e posto.

Cosa succederebbe se il nostro modo di fare e di vivere ci obbligasse, ad un certo punto, amnasconderci al centro della Terra perchè tutto quello che c’è in superficie l’abbiamo distrutto? Quali ricordi avremmo del “mondo di sopra”? Da qui siamo partiti per immaginare la nostra storia…

Il successo europeo dei Sonics torna nei teatri italiani per la stagione 2019/2020. Rinnovato nelle scene, nei costumi e nelle musiche, ricco di nuove e avvincenti evoluzioni acrobatiche, Duum è uno spettacolo dedicato alla ricerca della bellezza e del fare insieme.

Lo spettacolo è ambientato nella valle di “Agharta”, mondo leggendario situato nel cuore della Terra, del quale i SONICS cercano di immaginare e rappresentare le vibrazioni, i colori, i ritmi e gli equilibri.

Una sfida alle leggi di gravità unita all’armonia del movimento. Volando tra cunicoli, tunnel e grotte, con salti nel vuoto e acrobazie da lasciare col fiato sospeso, i SONICS ci conducono in un regno sotterraneo dal quale i suoi abitanti cercano in ogni modo e con ogni mezzo di uscire per far ritorno sulla superficie.

L’Architetto Serafino, protagonista della storia, guida i suoi compagni di avventura – interpretatati dagli acrobati, ginnasti e ballerini della compagnia – in un viaggio alla scoperta della felicità e della bellezza.

Le sue idee, le sue invenzioni scatenano un susseguirsi di quadri scenici dove acrobazie aeree mozzafiato e al limite delle leggi della fisica, performance atletiche che mixano potenza fisica e leggadria, insieme a giochi di luce e ad effetti speciali, regalano al pubblico di tutte le età attimi di sogno e poesia.

Alla guida di un gruppo di temerari, Serafino sfida la forza di gravità inventando continuamente nuove macchine volanti con l’intento di fare il “DUUM”, ovvero il SALTO verso il mondo di sopra per ritrovare la bellezza perduta. Il suono e la vibrazione del “DUUM” racchiudono in sè tutta la forza e l’energia del “fare insieme”.

Informazioni:
con gli Acrobati Sonics
creato e diretto da Alessandro Pietrolini
costumi di Ileana Prudente, Irene Chiarle
una produzione Fanzia Verlicchi per Equipe Eventi

Spettacolo:
domenica 19 gennaio 2020 | ore 21.00

Biglietti:
intero: 30 euro
ridotto: 25 euro
gruppi organizzati: 23 euro
ridotto under26: 20 euro

Il grande Balletto vivrà sul palco attraverso le atmosfere e il folklore russo, culla della tradizione dell’arte coreutica con il Balletto Accademico Statale Russo “E. Popov”.

Musiche dal vivo, scene e costumi fantastici, tipici dell’epoca, realizzati con minuziosa ricercatezza, riporteranno tutta l’anima di un paese con alle spalle una grande storia, capace di emozionare e coinvolgere il pubblico.

Il balletto fa parte del complesso ACCADEMICO STATALE RUSSO “E. POPOV” di Ryazan fondato nel 1932. Il nome della compagnia è tuttavia associato al nome di Mikhail Kruglikov che ha creato danze e miniature di balletto per tre decenni e tuttora in repertorio.

Negli anni ’80, la guida fu affidata a Boris Sokolkin. In questi anni ha messo in scena meravigliose danze basate sul folklore della regione di Ryazan – “Kadomskie Pictures” e “Shatskaya”, che ancora oggi sono accolte con entusiasmo dal pubblico.

Negli ultimi sei anni, l’Artista Emerito della Federazione Russa, Nikolai Shichkin, ha notevolmente notevolmente ringiovanito ed ampliato il corpo di ballo e prodotto nuove produzioni coreografiche.

Informazioni:
Direttore Artistico e coreografo principale: Tatyana Mironova
Musica dal vivo con strumenti popolari eseguita dall’ensemble del balletto

Spettacolo:
venerdì 13 dicembre 2019| ore 21.00

Biglietti:
intero: 30 euro
ridotto: 25 euro
gruppi organizzati: 23 euro
ridotto under26: 20 euro

Le poesie e le canzoni del principe De Curtis in arte TOTÒ.

Totò, nome d’arte di Antonio Focas Flavio Angelo Ducas Comneno di Bisanzio Curtis Gagliardi, più semplicemente Antonio De Curtis, è stato un attore, commediografo, paroliere, poeta, musicista e sceneggiatore italiano.

Il Quartetto Saverio Mercadante e il talentuoso eclettico Professor Michele Mirabella in questo spettacolo propongono alcune tra le più belle canzoni, scritti e poesie del grande Totò per raccontarne l’anima più profonda e poetica dell’indimenticabile uomo.

MICHELE MIRABELLA
Michele Mirabella è di Bitonto, ma è vissuto anche altrove. Soprattutto altrove. Studia da molti anni, da quando ne aveva tre. A quattro ha imparato a leggere, a cinque a scrivere. Tutto il resto nel campo dello studio è meno importante e, comunque non interesserebbe a nessuno. È un artista dello spettacolo: regista, autore, sceneggiatore, attore. Bravo. Così ha guadagnato da vivere. Non è un ballerino. Sa cantare, ma non sarà mai un cantante. Tanto meno in un coro. Nei cori, in genere, si trova a disagio. Preferisce ascoltarli. Adora il melodramma. Ha scritto dei libri e insegna all’Università perché è convinto che solo insegnando si continui a studiare. Ama viaggiare. Comodamente, se possibile. (Ma tutto congiura nel rendergli la vita difficile).

QUARTETTO MERCADANTE
Il Quartetto Mercadante è composto da musicisti pugliesi e lucani. Collabora con musicisti, attori, registi quali Josè Carreras, Michele Marvulli, Nicola Samale, Damiano D’Ambrosio, Roberto Molinelli, Antonella Ruggiero, Michele Mirabella, Sebastiano Somma, Enzo Decaro, Claudia Koll, Enrico Montesano, Giancarlo Giannini, Gianfranco Phino, Francesco Paolantoni, Giobbe Covatta, ecc.
I programmi proposti sono molto vari e toccano stili ed autori diversi, così da rendere piacevoli e accattivanti i concerti sempre apprezzati dal pubblico.

Informazioni:

MICHELE MIRABELLA – voce narrante
QUINTETTO SAVERIO MERCADANTE:
Daniela SORNATALE – voce solista
Rocco DEBERNARDIS – clarinetto
Gabriele MARZELLA – violoncello
Marco VALERIO – percussioni
Roberto CORLIANÒ – pianoforte
Arrangiamenti: Alfredo Cornacchia

Spettacolo:
sabato 25 gennaio 2020| ore 21.00

Biglietti:
intero: 25 euro
ridotto: 20 euro
gruppi organizzati: 18 euro
ridotto under26: 15 euro

Operetta in tre atti di Viktor Léon e Leo Stein, musiche di F. Lehar

Le finanze del Pontevedro sono in grave pericolo. Solo Anna, ricca vedova del banchiere Glawary, sposando un pontevedrino in seconde nozze potrebbe risanare le casse dello stato.

Il barone Zeta, ambasciatore pontevedrino a Parigi, approfitta della festa organizzata in ambasciata per far incontrare Anna e Danilo: forse l’antica fiamma potrebbe riaccendersi…

CAST
ANNA GLAVARY – ELENA D’ANGELO
CONTE DANILO – DOMINGO STASI
CAMILLO DE ROSSILLON – FRANCESCO TUPPO
VALANCIENNE – MERITA DILEO
NJEGUS – MATTEO MAZZOLI
BARONE ZETA – GIANNI VERSINO
CONTE KROMOV – CARLO RANDAZZO
CONTESSA KROMOV – PAOLA SCAPOLAN
CONTESSA BOGDANOVITCH – MARESA PAGURA
CONTE BOGDANOVITCH – DAVIDE CAPITANIO

Informazioni:
REGIA ELENA D’ANGELO
DIRETTORE MARCELLA TESSARIN
COREOGRAFIE GIADA BARDELLI
ORCHESTRA E BALLETTO GRANDI SPETTACOLI
ALLESTIMENTO E COSTUMI A CURA DI ELENA D’ANGELO
PRODUZIONE GRUPPO DA CAMERA CARONTE

Spettacolo:
martedì 31 dicembre 2019| ore 21.30

Biglietti:
posto unico: 50 euro
biglietto + cena (ore 19.00): 100 euro

Noi troveremo i luoghi delle peregrinazioni di
Ulisse il giorno in cui rintracceremo il
calzolaio che cucì l’otre dei venti di Eolo.
Eratostene

Marco Paolini porta in scena il suo Ulisse. In un tempo di dei ed eroi, Omero raccontava la storia di Ulisse. Oggi assistiamo alle innumerevoli odissee di uomini in balia di dèi che non vivono più sull’Olimpo ma hanno assunto le fattezze di un occidente artefice irrazionale e crudele del destino altrui.

Da alcuni anni Marco Paolini esplora il personaggio di Ulisse, i primi passi risalgono al 2003, nel sito archeologico di Carsulae, con le improvvisazioni musicali di Giorgio Gaslini e Uri Caine, e la scena di Arnaldo Pomodoro. Nel 2013, a Milano, all’interno di un ciclo di incontri parallelo alle repliche di Odyssey di Bob Wilson al Teatro Strehler, aveva proposto al pubblico una rilettura di quel lavoro. Oggi, con la collaborazione alla scrittura di Francesco Niccolini e la regia di Gabriele Vacis, quella narrazione ha trovato il suo centro negli dèi, burattinai del destino umano.

Il calzolaio del sottotitolo è l’aedo, che cuce la storia intorno al corpo e alla personalità di Ulisse come l’artigiano fa con un paio di scarpe. «I poemi della tradizione omerica sono la base del pensiero occidentale e del nostro comune sentire. La sfida è dare suono a quei libri, entrare in un flusso, in una “consonanza”, che ci permetta di ricreare l’in-cantesimo dell’originale. Omero racconta un’epoca di dei, semidei ed eroi. Oggi, le potenzialità che il progresso ci ha regalato fanno sì che siamo noi, occidentali, le divinità di questo mondo. Abbiamo un potere immenso che richiede un bilanciamento».

È un Ulisse che ha molto vissuto, viaggiato, sofferto quello al quale pensa Paolini. Un uomo ormai anziano, da più di vent’anni lontano dalla sua casa, Itaca, giunto quasi al termine della sua esistenza terrena, continua a essere un mentitore, ama celare la propria identità e, prima di parlare, riflette; ma quando parla, incanta.

«Sono stati da subito gli dèi al centro del lavoro – dice Vacis –, per una circostanza ai nostri occhi lampante: le grandi migrazioni alle quali assistiamo, le decine di migliaia di persone in fuga dalla miseria e dalla guerra verso il nord e l’ovest ci raccontano che siamo noi “gli dèi”: accogliamo, respingiamo, giochiamo con il destino altrui e, come le divinità omeriche, agiamo in maniera irrazionale e incomprensibile».

Informazioni:
di Marco Paolini e Francesco Niccolini
regia Gabriele Vacis
con Marco Paolini
e con Saba Anglana, Elisabetta Bosio, Vittorio Cerroni, Lorenzo Monguzzi, Elia Tapognani
musiche originali di Lorenzo Monguzzi
con il contributo di Saba Anglana e Fabio Barovero
scenofonia, luminismi, stile Roberto Tarasco
aiuto regia Silvia Busato
luci Michele Mescalchin, fonica Piero Chinello
assistenza tecnica Pierpaolo Pilla, direzione tecnica Marco Busetto
prodotto da Michela Signori
co-produzione Jolefilm, Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa
con la collaborazione di Estate Teatrale Veronese e Teatro Stabile Bolzano

Spettacolo:
sabato 19 ottobre 2019| ore 21.00

Biglietti:
posto unico: 34 euro
gruppi organizzati: 26 euro

Incantesimi della mente per controllare l’imponderabile.

Dopo il grande successo di Mind Juggler, che in questi anni a teatro ha stupito più di 100.000 spettatori, il mentalista Francesco Tesei presenta il suo nuovo spettacolo THE GAME.

In una puntata del suo programma televisivo (Il Mentalista, in onda su Sky), durante la sfida con un campione di scacchi, Francesco Tesei commenta: “Io sono un Mentalista: non ragiono in termini di vittoria o di sconfitta. Quello che a me interessa è … il controllo”.

È proprio il controllo dei pensieri, delle scelte, e delle loro conseguenze sugli eventi, ad essere il focus di The Game, alla ricerca degli “incantesimi della mente” che permettono di fare accadere le cose.

Uno spettacolo di mentalismo è diverso da qualsiasi altro spettacolo di teatro: il mentalista infatti, non si limita a recitare un testo, ma interagisce con il pubblico in una serie di “giochi”, o “esperimenti”, il cui esito è appeso a un filo molto sottile.

Informazioni:
con Francesco Tesei
ideato da Francesco Tesei e Daniel Monti
musiche originali di Marco Sabiu
regia di Francesco Tesei
una produzione Marangoni Spettacolo

Spettacolo:

sabato 2 aprile, ore 21.00

Biglietti:
intero: 25 euro
ridotto: 20 euro
gruppi organizzati: 18 euro
ridotto under26: 15 euro