Articoli

APERTURA STRAORDINARIA: Domenica 23 dicembre – dalle ore 9.00 alle ore 13.00 Continua a leggere

Riceviamo e pubblichiamo la recensione dello spettacolo MALALA di due studentesse dell’Istituto A. Bascapè di Saronno.

Continua a leggere

Isola di Cnosso, il Minotauro, il labirinto e un filo.

“Ho deciso di cambiare tipologia di spettacolo, di interpretare qualcosa di diverso, perché i miei figli dicono che sono sempre la stessa”. Continua a leggere

One child, one teacher, one book and one pen can change the world”: “Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo” queste sono le parole di Malala Yousafzai, Premio Nobel per la Pace 2014.

Continua a leggere

Pronti per il BLACK FRIDAY al Teatro Giuditta Pasta?

5 giorni di offerte imperdibili. Il Teatro a prezzi mozzafiato dal 21 al 25 novembre. Continua a leggere

Sabato 1° dicembre 2018 | ore 17.30
Foyer Teatro Giuditta Pasta Continua a leggere

Recensione di Sofia Bettocchi


Margherita, studentessa all’ultimo anno della facoltà di Sociologia, a Trento.
Suo padre, padre di una figlia che rimarrà nella storia dell’Italia. Continua a leggere

Articolo di Sofia Bettocchi:



Emanuele Gregolin artista di Saronno presenta la sua mostra. Insieme a lui anche la compagnia Helianto, che si pone come obiettivo quello di trasmettere l’arte e la cultura. Un’intervista in cui racconta la sua vita e la sua mostra. Continua a leggere

Ricomincia la stagione teatrale saronnese con un pieno di risate e “legnanesità”, grazie a “Colombo si nasce!”: il collaudato trio non tradisce le attese del sempre affezionato pubblico.

Continua a leggere

Intervista all’attore Davide Lorenzo Palla
Una chiacchierata in pieno stile Tournée da Bar

Sabato sera, 7 luglio, l’Arena Estiva di Casa Morandi ha ospitato lo spettacolo Otello. Riccardo Ricchetti, membro della nostra Redazione, ha incontrato e intervistato il protagonista di questa giovane compagnia. Continua a leggere

Eventi

Il Main Partner del Teatro Giuditta Pasta: Enrico Cantù Assicurazioni triplica la voglia di Teatro degli spettatori del Giuditta Pasta.

L’Agenzia Generali Saronno San Giuseppe, realtà leader nel settore assicurativo, ha scelto di supportare le attività del Teatro Giuditta Pasta di Saronno in qualità di Principal Partner, sostenendone lo sviluppo e la crescita come polo culturale attrattivo del territorio.

Enrico Cantù Assicurazioni ha altresì deciso di condividere la sua passione per il Teatro con gli spettatori della Sala saronnese regalando ad ogni alzata di sipario 3 Gift Card.

A partire dal 18 ottobre prima dell’inizio di ciascun spettacolo verranno estratti a sorte 3 fortunati spettatori a cui verrà omaggiata una Card a 2 ingressi da utilizzare senza limiti per la Stagione Teatrale in corso.

Il Teatro Giuditta Pasta vuole ringraziare il proprio partner Enrico Cantù Assicurazioni per il suo sostegno e per la sua volontà a partecipare attivamente alla diffusione della cultura come valore irrinunciabile per la crescita della propria comunità.

Diventa nostro spettatore e potresti essere tu il vincitore!

PROGETTO PRIMARIA
MARTEDÌ 18 FEBBRAIO 2020| ORE 10.00

Ispirato a il mito di Er, tratto da “La Repubblica” di Platone

con Flavio Albanese e Bruno Frabetti
compagnia La Baracca – Testoni Ragazzi / Compagnia del Sole
regia Flavio Albanese
di Flavio Albanese e Bruno Frabetti
collaborazione alla regia di Valeria Frabetti

Tutti abbiamo sentito parlare delle avventure di Ulisse, ma c’è una storia che solo Er ricorda.
Er, un giovane soldato, è l’unico che possa raccontare l’ultimo viaggio di Ulisse, avvenuto in un luogo sconosciuto, che chiameremo l’Altrove.
Qui si sono incontrati e hanno cercato insieme una via d’uscita.

I due attori ripercorrono il viaggio, guidati da una voce misteriosa. Trappole, indovinelli, labirinti, giochi di parole e antiche storie accompagnano il loro cammino. Riusciranno a trovare la strada?
E se riusciranno a uscire, saranno gli stessi che erano entrati?

Un’avventura ispirata al mito di Er, raccontato in conclusione de “La Repubblica” di Platone.
Filosofia e bambini sono due parole che difficilmente si trovano nella stessa frase. Noi invece siamo convinti che filosofia e bambini possano incontrarsi a teatro.

Inaspettatamente, proprio come Er incontrò Ulisse nell’Altrove.

dai 6 ai 10 anni
durata 50 minuti
BIGLIETTO € 6

PROGETTO GIOVANI
GIOVEDÌ 13 FEBBRAIO 2020 | ORE 10.00

Avevo 14 anni, la droga molti più di me

con Fabrizio De Giovanni
una produzione ITINERARIA TEATRO

Tratto dall’omonimo romanzo autobiografico di Enrico Comi, lo spettacolo con il suo carico emotivo e di informazioni, scardina alcuni luoghi comuni diffusi tra i giovanissimi: “Smetto quando voglio”; “La canna fa meno male delle sigarette”; “Sono droghe naturali”; “Le canne non hanno mai ucciso nessuno”; “Lo faccio una volta sola… per provare”.

Lo spettacolo STUPEFATTO mira a coinvolgere il maggior numero possibile di giovani, oltre che di educatori e insegnanti, al fine di diffondere informazioni corrette sul tema delle droghe. Crediamo che quando un giovane viene messo in grado di comprendere a fondo le problematiche legate all’abuso di sostanze tossiche, riesca a sviluppare un maggior senso critico, incrementando le proprie capacità di prendere decisioni autonome e ponderate che lo tengano lontano da queste sostanze. Oltre 200.000 studenti hanno assistito fino ad oggi a questo spettacolo lasciandosi catturare dal racconto e partecipando alle riflessioni proposte dal palcoscenico. Un’esperienza collettiva di forte impatto che spesso funge da stimolo nei ragazzi

dai 12 anni
durata 80 minuti
BIGLIETTO € 10

PROGETTO GIOVANI
GIOVEDÌ 23 GENNAIO 2020 | ORE 10.00

La scelta degli uomini Giusti

produzione Compagnia TeatRing
testo e regia Marianna Esposito
con Liliana Benini, Alessandro Cassutti, Marianna Esposito, Annalisa Falché, Karun Grasso
assistenza alla regia Diego Paul Galtieri
scenografie Stefano Zullo
foto e video Emanuele Limido

“Domani sarò ciò che oggi ho scelto di essere” (James Joyce)

Abbiamo sempre avuto una sconfinata fiducia nella giustizia. Laddove per “giustizia” non intendiamo “legalità”. Intendiamo il senso di cosa è GIUSTO. Abbiamo sempre creduto che gli esseri umani avessero una bussola morale che non sbaglia mai. Noi sappiamo cosa è giusto e cosa non lo è. Lo sappiamo.
Quindi cosa significa essere Giusti? Significa AGIRE.
Agire, prendere una decisione, decidere, re-cidere. Dire i NO giusti. A volte, anche i SI giusti. E la storia ci offre centinaia di esempi di persone comuni, che hanno preso decisioni importanti e con il loro agire hanno salvato anche soltanto un altro essere umano da genocidi, persecuzioni, guerre, fame, umiliazioni. Si sono ribellati alla mafia, hanno custodito l’arte, nascosto persone, aiutato migranti, accolto profughi in ogni parte del mondo, in ogni periodo storico … Contro la legge, contro le “regole”. Perché regole e convenzioni non sempre significano giustizia.
Il nostro spettacolo non parlerà di uno, ma di molti, moltissimi giusti. Li vedremo nel momento cruciale della loro vita: il momento della scelta.

“Continuo la mia vita serenamente, mi volto dall’altra parte, oppure decido di agire?”

dai 13 anni
durata 80 minuti
BIGLIETTO € 8

PROGETTO INFANZIA E PRIMARIA
MERCOLEDÌ 11 DICEMBRE 2019 | ORE 10.00

di e con Elisabetta Viganò, Claudio Milani
una produzione Ass. Cult. Momom presenta

La Conta di Natale porta in scena un grande Calendario d’Avvento con caselle grandi e piccole che nascondono storie, brevi racconti, pupazzi, giochi e qualche cioccolatino per i più fortunati.
I numeri dall’uno al ventiquattro si apriranno uno dopo l’altro con una filastrocca detta tutti insieme a volte sussurrando come un vento leggero, a volte urlando come un orco affamato, altre ancora parlando senza usare la voce.

Nella Conta di Natale ci sono storie corte come un soffio, lunghe come un filo per i panni, piccole come un cioccolatino, grandi come un pupazzo di neve e … pericolose come quella dell’Orco Balocco che mangia solo regali!

dai 3 anni
durata 50 minuti
BIGLIETTO € 6

PROGETTO PRIMARIA
GIOVEDÌ 21 NOVEMBRE 2019 | ORE 10.00

Un racconto di amicizia e tradimento, di scoperta di se stessi e dell’altro che mette al centro il rispetto reciproco e dell’ambiente.

Produzione Teatro del Buratto/ATIR – Teatro Ringhiera
di Emanuele Aldrovandi e Jessica Montanari
con Mila Boeri e David Remondini
regia Renata Coluccini
movimenti scenici Micaela Sapienza
luci Marco Zennaro

Una fiaba moderna in cui vengo narrate le avventure di Zeno, un ragazzo che per esigenze di lavoro si traveste da asino, e di Molly un’asina vera, un’asina intelligentissima che è fuggita da uno stretto recinto. Molly e Zeno sono diversi, ma accomunati dal sentirsi spesso emarginati, diversi rispetto al loro ambiente.

Un giorno, entrambi in fuga, si incontrano. Lui se ne va da un luogo che l’ha deluso, lei scappa da una prigionia. Questo incontro cambierà la vita di entrambi. Insieme affronteranno diverse situazioni in cui le loro differenze emergeranno e creeranno complicità ma anche conflitti. Ma è di tutto questo che si nutre un’amicizia vera.

Sul palcoscenico la storia viene narrata con un gioco di parole e movimento dove con la voce e con il corpo gli attori evocano e ci rendono partecipi di situazioni e paesaggi. Attraverso la metafora, il racconto fantastico, possiamo meglio comprendere che curare e rispettare il nostro mondo parte dal conoscere e rispettare se stessi e gli altri nella loro diversità e bellezza.

dai 6 anni
durata 60 minuti
BIGLIETTO € 6

Lunedì 16 settembre, a partire dalle ore 15.30, il Teatro Giuditta Pasta, organizza un pomeriggio dedicato alla scoperta dei LABORATORI TEATRALI della Stagione 2019/2020.

Sarà possibile conoscere gli insegnanti, capire quale tipo di lavoro verrà fatto durante l’anno e partecipare ad una lezione dimostrativa.

PROGRAMMA:

  • 15.30-16.30: open day laboratorio PREADOLESCENTI (11-13 anni)
  • 17.00-18.00: open day laboratorio BAMBINI (6-10 anni)
  • 18.00-19.30: open day laboratorio ADOLESCENTI (14-18 anni)
  • 20.00-21.00: open day laboratorio PUBLIC SPEAKING
  • 20.30-21.30: open day laboratorio ADULTI (+ 19 anni)

(!) TERMINE ISCRIZIONI PER OPEN DAY | venerdì 13 settembre 2019

PER ISCRIVERTI AL LABORATORIO COMPILA IL MODULO » https://bit.ly/2k9lT49

 

Cinque acrobati africani con il ritmo e l’energia nel sangue fanno rivivere il mito dei divertentissimi Blues Brothers in uno show per tutti.

Tra limbo, salti mortali e piramidi umane fatevi travolgere dalla trascinante e coinvolgente carica di questa band composta da equilibristi, sbandieratori e giocolieri del fuoco. Sulle note della colonna sonora del leggendario film ecco uno spettacolo adatto a un pubblico internazionale, dove a parlare sono la musica e il virtuosismo acrobatico. Sono i Black Blues Brothers: la loro missione è divertirvi!

Dalle loro partecipazioni tv (Tú sí que vales, Le plus grand cabaret du monde) alle esibizioni per Papa Francesco e per il Principe Alberto di Monaco, ogni performance dei Black Blues Brothers si trasforma in un evento mediatico di forte richiamo.

Lo show è un concentrato di ritmo e adrenalina. Ogni oggetto di scena (sedie, tavoli, appendiabiti, vasi e persino specchi) diventa uno strumento per acrobazie mozzafiato inserite in una serie incalzante di gag esilaranti, buffi striptease, spassose sfide di ballo e coinvolgimento costante del pubblico.

Nessuno resiste all’energia dei Black Blues Brothers, capaci di superare i confini e divertire tutte le nazioni che li ospitano: Spagna, Francia, Germania, Svizzera, Polonia, Belgio, Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia e naturalmente Italia hanno già apprezzato il loro straordinario show.

Con oltre 450 repliche in tutta Europa e più di 120.000 spettatori, questo spettacolo ha elettrizzato il pubblico di prestigiosi teatri, scatenato standing ovation nelle rassegne internazionali e infiammato il pubblico dei piccoli centri.

Dal Qurino di Roma a festival musicali come Szieget a Budapest… everybody needs the Black Blues Brothers!

Informazioni:
The Black Blues Brothers

Spettacolo:
giovedì 6 febbraio 2020| ore 21.00

Biglietti:
intero: 20 euro
ridotto: 15 euro
ridotto under12: 12 euro

Un esilarante spettacolo di circo-teatro.

Può la comicità essere poetica? Può la poesia lasciare il pubblico con le lacrime agli occhi, ma per le risate?

La risposta positiva a queste domande la dànno gli Okidok. Trionfatori al Festival du Cirque de Demain di Parigi, sono considerati fra i più interessanti esponenti della nuova clownerie internazionale.

Nei loro show questi due pagliacci belgi, moderni e raffinati ma estremamente popolari, mischiano le tecniche più varie del circo: giocoleria, equilibrismo e acrobazia. Mai come nel loro caso al minimalismo delle scene corrisponde il massimo della resa comica. Performance scoppiettanti, che chiamano sempre in causa il pubblico.

La vostra concezione del clown non sarà più la stessa dopo aver visto gli Okidok, e non vorrete mai tornare indietro dal mondo assurdamente divertente nel quale vi avranno portato.

Informazioni:
Okidok
di e con Xavier Bouvier e Benoit Devos

Spettacolo:
lunedì 6 gennaio 2020| ore 16.00

Biglietti:
intero: 20 euro
ridotto: 15 euro
ridotto under12: 12 euro